UN PRIMO MAGGIO 2012 A CASTELLON
by R. Pavanello

I miei duemila lettori ricorderanno che conclusi l’ articolo sul viaggio in Perù dello scorso agosto 2011 scrivendo che per il primo maggio 2012 sarei, con Dario Monferini, andato a fare un tour radiofonico a Bucarest. Ebbene cosi non è stato: quando io e Dario ci siamo messi ad organizzare l'evento ci siamo subito accorti che lunedì 30 aprile, a parte la visita al servizio italiano di Radio Romania Internazionale, avremmo corso il pericolo di non concludere null’altro dato che anche i rumeni “ ponteggeranno “ il primo maggio.
Tanto valeva spostare il tutto nel 2015, quando il ponte primaverile sarà quello del 2 giugno, giornata festiva solo in Italia e riservare questi 4 giorni festivi del 1 maggio 2012 ad una personale escursione turistica.
Non ci misi molto, neanchè una decina di minuti, a decidere che sarei tornato in Spagna per una visita all’ unico capoluogo di provincia della Comunidad Valenciana da me non ancora raggiunto, CASTELLON DE LA PLANA, in castigliano, CASTELLO’ in valenciano. E cosi è stato.

Erano le 19,43 di venerdi 27 aprile quando dalla stazione di Vercelli prendevo il treno a destinazione di Torino. Alle 20.30 ero alla stazione di Porta Susa, breve sosta al bar e poi alle 21,09 la partenza col Talgo a destinazione di Barcelona.
Anche questa volta ho usato il Talgo in quanto ad aprile, a differenza del mese di agosto, ha ancora dei prezzi accettabili, 76 Euro solo andata ( se lo fate nel sito della Renfe, le ferrovie spagnole, se lo fate in quello di Trenitalia sarebbero 135 Euro, ma si sa che le ferrovie italiane devono pagare ai loro top manager stipendi ben superiori di quelli pagati in Spagna ).
E' vero che con una ventina di Euro in più avrei potuto fare andata e ritorno da e per Barcellona in aereo, ma per fare questo avrei dovuto alzarmi alle 6 del mattino del sabato ed arrivare solamente nel tardo pomeriggio nel capoluogo catalano.
In questo modo invece, mi son potuto fare una bella dormita ( so che molti non riescono a dormire nei vagoni letto ferroviari, ma io per fortuna non ho questo problema ) ed essere già alle 10,30 del sabato alla Estaciò di Francia di Barcellona.
Subito raggiungevo la più vicina stazione della metropolitana per andare all'altra stazione ferroviaria di Barca, quella di Sants per li depositare il mio bagaglio e poi dare il vero inizio a questo nuovo viaggio.
Appena depositato il borsone tornavo alla metrò per raggiungere le Ramblas e subito li iniziavo l'attività radiofonica del viaggio raggiungendo la sede di Onda Cero Radio, l'emittente che tutti possiamo ascoltare in pantofole durante le ore serali e notturne sulla frequenza di 540 kHz.
Questa volta non c’era nessuno!!! essendo Sabato. Nelle immediate vicinanze della vicina Plaza Real ha sede Contrabanda FM 91,4 MHz, una delle 3 o 4 emittenti dell’ultrasinistra, che più ultra non si può, attive in città, e quindi non mancavo di fare un’ulteriore tentativo acchiappa adesivi ma anche li la porta era ermeticamente sigillata.
Per quel giorno con le radio bastava; tornavo alla Plaza Real e mi sparavo la prima paella del viaggio!!!! Al termine ancora un paio di vasche sulle Ramblas e poi tornavo a Sants per partire alle 18.00 alla volta di Castellò ove giungevo alle 20.08. Albergo, cena ed una passeggiata serale per determinare l’esatta posizione delle emittenti cittadine chiudevano la giornata.

Di completo relax la domenica 29 aprile: al mattino visita alla Cattedrale ed al Museo di Belle Arti, al pomeriggio trasferimento in autobus alla bella spiaggia cittadina di GRAO, posta a 3-4 Km, dal centro ove mi dedicavo ad un po’ di ascolto FM.
Nulla di entusiasmante dal punto di vista DXistico, si sa che l' FM DX non è il mio forte, ma pur sempre un piacevole momento. Peccato che la stagione non permettesse ancora i bagni in mare e che un vento polare facesse venire voglia di mollare tutto e tornare in città.

Era lunedì 30 aprile il giorno della " gita turistica " fra le emittenti di Castellò. Il tour è molto facile: le stazioni radiofoniche presenti in città sono solamente 4 e tutte sono dislocate nel centro cittadino, percui una passeggiata di un paio di ore è più che sufficiente, specialmente, se, senza saperlo, avete riservato un hotel proprio di fronte ad una di loro !!!!!
Noterete che durante la descrizione di queste visite non menzionerò la Cadena COPE in quanto, la pur facilmente sintonizzabile sede provinciale attiva sui 1053 kHz, non ha sede in Castellò ma nella vicina cittadina di Vila Real, località ben nota agli appassionati di calcio per la sua squadra partecipante alla Liga Espanola.
Vila Real non è lontana da Castellò ma il poco tempo a disposizione non mi ha permesso di percorrere i pochi Km. che separano le due località. Dopo la colazione, verso le 09.30 ( inutile tentare di entrare in una radio spagnola prima di quell’orario ).
Uscivo dall’hotel e raggiungevo la sede di Espiral FM, una stazione locale di musica dance operante su 106.4 MHz. Incredibile ma vero: mi omaggiavano dell’unico adesivo gigante ancora presente in sede. Non credo che qualche altro collezionista abbia nella sua raccolta un adesivo di Espiral FM di Castellò de la Plana !
Lasciata Espiral FM proseguivo verso Onda Cero Radio, il network nazionale attivo da Castellò sulla sola frequenza FM di 88.7 MHz. Altro successo, qualche esemplare dei loro soliti adesivi mi veniva consegnato.
Altra passeggiata, altra emittente, la sede provinciale della governativa Radio Nacional de Espana attiva in Castellò con Radio 1 su 801 kHz e con Radio 5 su 1125 kHz in onde medie ( oltre che su locali frequenze FM ) e quindi potenziale preda dei nostri ricevitori.
Due parole quindi sulle loro possibili ricezioni italiane. Sicuramente fino a qualche anno fà era ben più semplice sintonizzare questi due trasmettitori ( e anche molti altri trasmettitori della R.N.E. ), per l’intero arco della giornata, fino alle 21.00, infatti, Radio 5 aveva 4 spazi di programmazione regionale e provinciale ad ogni ora.
Poi, i vari governi centrali, sia di destra che di sinistra, hanno man mano ridotto questi spazi, a differenza delle catene nazionali private che ben si son guardate di farsi del male da sole, ed oggi la programmazione locale della R.N.E. è praticamente pari a quella
" vergognosa " della RAI. Radio 1 e Radio 5, ora, emettono in programmazione regionale dal lunedi al venerdi dalle 07.25 alle 07.30, dalle 07.50 alle 08.00 e dalle 13.10 alle 14.00 e, solo Radio 5, in programmazione provinciale dalle 09.00 alle 09.15. Il sabato unicamente in regionale dalle 13.10 alle 14.00.
Vi sembrerà logico e naturale che con degli orari del genere le uniche possibilità di ascolto da noi in Italia, le abbiamo dal lunedi al venerdi ( quando tutti lavoriamo ) durante i mesi invernali e durante le prime due trasmissioni mattutine.
Detto questo vi è da aggiungere che la frequenza di Radio 1, con una potenza di 10 Kwatt, è condivisa con altri 5 trasmettitori della R.N.E. e benchè l’ascolto di Castellò non sia del tutto impossibile, la frequenza è generalmente dominata o dal più potente trasmettitore da 25 Kwatt attivo da Ciudad Real ed in onda col notiziario della Castilla-La Mancha
o da quello anch'esso da 10 Kwatt, ma dalla più vicina Girona in onda, in lingua Catalana, col notiziario della Catalunya. Più facile ricevere Castellò con Radio 5 su 1125 kHz. La frequenza è condivisa con altri 4 trasmettitori della R.N.E. ma normalmente è proprio quello di Castellò a predominare anche se alcune volte anzichè Castellò arriva il trasmettitore di Vitoria con la programmazione, anch’essa in castigliano, del Pais Vasco.
Era la mia giornata fortunata: altri adesivi, benché fossero i soliti gia avuti alla Casa de La Radio di Madrid si aggiungevano al mio bottino e pure mi era offerto di visitare e fotografare lo storico studio del 1125 kHz della Radio 5.
Lasciata la sede della R.N.E. raggiungevo quella della Cadena SER posta pressochè di fronte al mio albergo. In Castellò la Cadena SER opera con Cadena Dial su 97.1 MHz, Los 40 Principales su 94.8 MHz, M80 su 105.8 MHz e la " tradizionale " Radio Castellon su 91.2 MHz e 1521 kHz in onda media.
Su questa frequenza Radio Castellò è una delle emittenti della Cadena SER più facili da sintonizzare in programmazione locale: durante i mesi invernali già durante gli spazi informativi locali del tardo pomeriggio-inizio serata ( il più comodo quello tra le 19 e le 20 ) e durante i mesi estivi durante gli spazi di pubblicità locale diffusi qualche minuto prima dello scadere dell’ora.
Se si riceve una stazione in lingua castigliana sui 1521 kHz essa è Radio Castellò in quanto è l’unica emittente operante dalla Spagna su questa frequenza . Potrebbero esserci delle interferenze da parte della radio dell’Arabia Saudita operante anch’essa sui 1521 kHz in lingua Araba, ma operando correttamente con la loop o girando nell’opportuna posizione il portatile
( basta infatti un portatile per ricevere Radio Castellò ) non ci vuole molto ad eliminare o ridurre pressochè del tutto tali interferenze. Avevo una e-mail di invito a firma del Jefe Tecnico, il Sr Sergio Moltò e quindi nessun problema a raggiungere i loro studi. Sergio era gentilissimo: mi mostrava tutte le apparecchiature, scattavo un po’ di fotografie e venivo omaggiato di nuovi adesivi e di un librone edito nel 2008 per il 75mo anniversario dell’ emittente.
Ringraziavo e ricambiavo con un po’ di adesivi italiani. Al termine attraversavo la strada, tornavo in albergo a ritirare i bagagli e mi spostavo alla stazione per partire alle 14.51 alla volta di Barcelona ove arrivavo alle 17.39. Un’ altra serata sulle Ramblas mi attendeva!!!!

Martedi 1 maggio un po’ di turismo al mattino con una visita alla Casa Battlò, altra opera cittadina di Gaudi e poi autobus dalla Plaza de Catalunya fino all’ aeroporto per partire alle 14.40 alla volta di Malpensa ove giungevo alle 16,20 chiudendo questo altro breve ed ennesimo viaggio in Spagna. Spuntino e poi alle 20.15 l’ ultimo treno, quello per Vercelli ove arrivavo alle 21.15.

Il rendiconto finale: 6 sedi di emittenti radiofoniche raggiunte, 21 adesivi di 10 differenti varietà di 4 diverse stazioni, 5 biro, un libro.

Arrivederci ad agosto con NORD ATLANTICO 2012!!!

Roberto Pavanello

Le emittenti visitate :

Onda Cero R. - Ramblas 88-94 – 08002 Barcelona – SPAGNA
Web www.ondacero.es/emisoras/catalunya/ e-mail catalunya@ondacero.es

Contrabanda – Pasaje Madoz 6, 2° planta, puerta 2 – 08002 Barcelona – SPAGNA
Web www.contrabanda.org e-mail contrabandafm@contrabanda.org

Espiral FM – Sagasta 14 entresuelo – 12002 Castellon – SPAGNA
Web www.espiralfm.com e-mail publicidad@espiralfm.com

Onda Cero R. – Ronda Mijares 186 – 12002 Castellon – SPAGNA
Web www.ondacero.es/emisoras/castellon/ e-mail castellon@ondacero.es

R.N.E. – Paseo Ribalta 5 – 12001 Castellon – SPAGNA
Web www.rtve.es

Cadena SER – Moyano 4 – 12002 Castellon – SPAGNA
Web www.radiocastellon.com e-mail sergiomolto@radiocastellon.com



Gli Hotels utilizzati :

Nh Mindoro – Moyano 4 – 12002 Castellon – SPAGNA
Web www.nh-hotels.com e-mail nhmindoro@nh-hotels.com

Hotel Toledano – Las Ramblas 138 – 08002 Barcelona – SPAGNA
Web www.hoteltoledano.com e-mail reservas@hoteltoledano.com

Altri siti utilizzati per l’ organizzazione del viaggio :

Per la biglietteria ferroviaria www.renfe.es
Per le prenotazioni alberghiere e aeree www.expedia.it
Per le mappe di Castellon http://maps.google.it
Per il turismo in Castellon www.dipcas.es
Per la Casa Batllò di Barcelona www.casabatllo.es



RNE Castellon studio


STUDIO RNE Castellon


INGRESSO ESPIRAL FM CASTELLON


edificio ONDA CERO


EDIFICIO RNE CASTELLON


STUDIO SER CASTELLON


targa ser castellon ingresso


STUDIO CADENA DIAL M80 CASTELLON


FOTO SPIAGGIA CASTELLON DESERTA


studio maxima fm castellon


LA CATTEDRALE DI CASTELLON

 

Back